Home > Salerno PRIDE 2019

SALERNOPRIDE2019

MEMORIA PRESENTE

Il 29 giugno di 50 anni fa a New York, un gruppo coraggioso di persone gay, lesbiche e trans si ribellarono alle violenze ed alle discriminazioni delle forze dell’ordine e diedero vita alle prime manifestazione del movimento di liberazione delle persone omosessuali e transessuali. Quel corteo colorato dagli abiti di scena delle drag che lavoravano nei locali di Stonewall, si ripete da allora ogni anno in tutto il mondo e si chiama PRIDE. il ricordo dei Moti di Stonewall è un momento di memoria laica e civile per tutta la comunità lgbti+ e vede oggi più che mai l’urgenza di presidiare lo spazio dei diritti e delle tutele conquistate in cinquanta anni di lotte, di vittime, di coraggio, di ribellione.

Molte cose sono cambiate in questi decenni, ma non tanto da consentire il benessere, la dignità e la felicità delle persone lgbti+. Anzi, in questo tempo in-sorge l’emergenza di affermare una trasversalità ed una intersezionalità delle lotte per i diritti di tutte e tutti. Da molti anni quello che era stato il GAY PRIDE è diventato il PRIDE, una manifestazione di coraggio e di festa che raccoglie sempre più istanze di tutela e di rivendicazione.

Negli ultimi anni, in Italia, l’intuizione dell’ONDA PRIDE ha consentito una mobilitazione capillare che attraversa e scuote il nostro paese, le coscienze, i mezzi di comunicazione ed i social, riportando al centro dell’attenzione i temi delle tutele e dei diritti per le persone lgbti+, ma non solo.

Già lo scorso anno il percorso che ha portato al SALERNOPRIDE2018 ha visto una rete eterogenea di associazioni, gruppi, movimenti, istituzioni ed enti insieme per raccontare alla comunità salernitana l’emergenza che stiamo attraversando ed il diffondersi di clima di violenza e discriminazione.

Quest’anno, ancor più che lo scorso anno, il SALERNOPRIDE concluderà un lungo percorso di manifestazioni che attraverseranno le questioni legate alla condizione delle donne, di tutte le donne, dalla violenza alla tutela nei contesti di lavoro, dall’accesso all’aborto come quella ai servizi fino ai temi delle libertà civili e del lavoro, buono e sicuro per tutte e tutti.

Non siamo e non saremo soli: grazie alla compagnia di tante e tanti mobiliteremo il meglio della società civile e delle nostre comunità provinciali e regionali. In un tempo in cui la politica nazionale ci espone a divisioni, odio, rancori, violenze di ogni sorta; in un tempo in cui è evidente il lasciapassare alla violenza ed alla discriminazione, in cui si diffondono linguaggi di odio e si cerca in ogni dove il capro espiatorio delle difficoltà del nostro paese, NOI CONTINUIAMO A DIFFONDERE BELLEZZA E UNITA’ convinti che solo con la compagnia di tutti e tutte possiamo rendere migliori i nostri momenti e spazi di vita.

Quest’anno dunque ricorderemo i 50 anni dai Moti di Stonewall con una grande manifestazione in cui porteremo in piazza i colori dei nostri affetti, dei nostri desideri, rivendicando e chiedendo a gran voce uno spazio culturale e sociale, una nuova declinazione dei diritti e delle tutele. Affermeremo di nuovo e sempre:

– l’urgenza di un riconoscimento totale e articolato dei diritti alle affettività, alla famiglia ed ai figli per le persone lgbti+, dal matrimonio egualitario all’adozione per le coppie gay e lesbiche;

– l’urgenza di una legge regionale e nazionale di contrasto all’omofobia che preveda non solo sanzioni chiare e severe per chi agisce violenza e discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale e l’identità di genere ma anche programmi concreti di contrasto alla cultura delle discriminazioni e della violenza, a scuola come nel mondo del lavoro, nei contesti sociali e culturali del nostro paese;

–  il diritto alla salute ed alla dignità delle persone lgbti+, transessuali e transgender;

– un concreto potenziamento dei servizi e delle tutele per le persone sieropositive e programmi altrettanto operativi di contrasto alla sierofobia. In particolare sul nostro territorio sentiamo forte l’emergenza di servizi e di spazi di accoglienza ed accompagnamento per le persone sieropositive e/o affette da Infezioni a Trasmissione Sessuale;

– la necessità di rivedere la normativa italiana in materia di accoglienza delle persone migranti così come riaffermeremo il nostro totale NO alla Legge Salvini che sta producendo dolore, precarietà, schiavitù;

– l’urgenza di preservare il diritto all’aborto per le donne, l’accesso gratuito ai contraccettivi e ad ogni forma di tutela della salute delle donne. Diremo ancora una volta NO ALLA VIOLENZA sulle donne, NO ad ogni forma di discriminazione nei contesti di lavoro, politici, sociali e culturali;

– l’esigenza di una reale possibilità di accesso all’istruzione, la tutela della scuola pubblica e gratuita per tutte e tutti, di una formazione universitaria adeguata alle richieste del nostro tempo;

– la priorità di una sempre maggiore tutela delle lavoratrici e dei lavoratori, della loro salute ed incolumità come della loro dignità nell’accesso ad un lavoro stabile;

– la richiesta di politiche ambientali che tutelino davvero il nostro mondo ed il nostro paese, il nostro mare e le nostre campagne, le nostre città e la bellezza dei nostri paesaggi attraverso politiche di valorizzazione ambientale oltre che di tutela, politiche di investimento sulla bellezza e sulla salubrità degli spazi urbani come la valorizzazione della nostra agricoltura e delle eccellenze agroalimentari del nostro territorio;

Saremo in piazza il PRIMO GIUGNO 2019 per dire NO ad ogni forma di omofobia, razzismo, fascismo, xenofobia, sessismo; per dire NO ad ogni forma di violenza e discriminazione.

Per tutto questo e per tanto altro ancora, faremo sventolare le nostre bandiere, porteremo in strada i nostri corpi e le nostre vite. Lo faremo per dire NO a tutto ciò che svilisce e compromette la dignità delle persone e per dire SI a tutto ciò che rende più umana ed inclusiva la nostra comunità.

Ci siamo, ci saremo. Appuntamento per tutte e tutti al SalernoPride2019. Primo Giugno, Salerno.

#CISIAMO #STONEWALL50

 

CON IL PATROCINIO DI:

COMUNE DI SALERNO

PROVINCIA DI SALERNO

 

ADESIONI

 

ARCIGAY SALERNO

ARCIGAY BASILICATA

ARCIGAY BAT

ARCIGAY BARI

ARCIGAY CASERTA

ARCIGAY CATANIA

ARCIGAY FOGGIA

ARCIGAY PESARO

ARCIGAY RAGUSA

ARCI SALERNO

ARCI MAREA

ARCI FERRO 3.0

AUTODETERMINIAMOCI SALERNO

ANPI SALERNO

CHIESA PASTAFARIANA ITALIANA

COMPAGNIA DALTROCANTO SALERNO

CONSORZIO LA RADA

COOPERATIVA CITTA’ DELLA LUNA

COOPERATIVA CAPOVOLTI

GREENPEACE SALERNO

UAAR SALERNO

ASSOCIAZIONE CULTURALE IPERION

FGS – Federazione Giovani Socialisti della Campania, Prov. Salerno

PSI – Partito Socialista Italiano della Campania, Prov. Salerno

ISTITUTO SACKS ROMA

ALFI Le Maree Napoli

ALFI Nazionale

Spazio Sociale RIFF RAFF

 

 

 

CITTADINI E CITTADINE

FRANCESCO NAPOLI

GIANLUCA FARUOLO

ALEX AVAGLIANO

ANTONIO SAULLE

EMANUELE AVAGLIANO

GIAMMARCO CASCINO

OTTAVIA VOZA

MIGUEL CORAGGIO

PIERPAOLO PERRONE

PIETRO AMENDOLA

MASSIMO SCIROCCO

NELLO FERRAZZA

ENRICO DELLA GRECA

MARIALUISA SIANO

VITTORIO CICALESE

GIANLUCA CAMMARANO

MILITO PAGLIARA

MARIANNA COPPOLA

FEDERICA RAIMONDI

SERENA EMILIA DI SALVATORE

SERENA DEGLI ANGELI

STEFANO SANTORO

MARIALAURA VALESE

SALVATORE ANTONY RICCA

ALESSIA D’AMICO

I campi con il simbolo * sono obbligatori

Ti è piaciuto questo sito? Dillo a tutti :)